Guida all'università, Università

Guida università: come scegliere quali lezioni frequentare

Guida università: come scegliere quali lezioni frequentare. Troppe lezioni universitarie? E’ proprio così. Soprattutto se sei del primo anno e devi fare i conti con i tanti corsi da seguire, gli appunti da prendere e gli esami da sostenere. Se hai bisogno di sapere come fare per frequentare le lezioni all’università, puoi tirare un sospiro di sollievo: abbiamo qualche risposta da darti. Continua la nostra rubrica sull’orientamento università 2020. Università…quali lezioni frequentare?

Università: quali lezioni frequentare

Prima di partire, una precisazione:

Frequentare tutti i corsi potrebbe non essere sempre la scelta giusta.

Infatti, ci sono corsi che per quanto possano essere interessanti, magari non ci sono utili; al contrario, ci sono corsi utilissimi da frequentare che però richiedono troppe ore fuori casa o troppo tempo in aula. Non vale una regola generale che stabilisca quanti e quali corsi frequentare: tutto dipende dal tuo grado di conoscenza di quella materia e dall’utilità che puoi trarre da un certo corso.

Come scegliere?

Vediamo di seguito alcune dritte da seguire per riuscire ad ottimizzare il tempo per i corsi da seguire:

  • Accetta il fatto che decidere di seguire tutti i corsi potrebbe essere controproducente;

Ricorda che gli esami non si sostengono da soli e, dunque, dovrai pur sempre dedicare del tempo allo studio individuale.

  • Preferisci i corsi che, secondo te, sono più utili e preparano per materie più complesse e difficili da studiare da soli;
  • Gestisci i tuoi orari per fare in modo che la giornata non sia “troppo piena”. Non è utile frequentare lezioni per dieci ore di fila, potresti non assimilare tutte le nozioni soprattutto;
  • Cerca di dare precedenza alle lezioni mattutine piuttosto che alle lezioni pomeridiane e/o serali che inducono stanchezza e sonnolenza;
  • Utilizza agende, diari o app (come ad esempio Google Calendar) che ti gestiscano gli orari e la giornata;
  • Consulta la modalità di erogazione del corso, se in presenza o online. Soprattutto in questo momento, potresti avere la fortuna di avere piattaforma elearning con i video on demand delle lezioni. Potresti quindi rivedere le lezioni perse in un secondo momento.

Infine, ricorda di ripassare qualcosa nei corridoi o tra una lezione e l’altra. Anche ripassare i concetti appena spiegati può essere estremamente utile per l’esame o la prova parziale dell’ultimo minuto. Ricorda che ci sono anche i compendi e gli ipercompendi della casa editrice Simone che ti permettono dare uno sguardo veloce a tutta la materia con schemi e riassunti.

L’organizzazione aiuta

Assolutamente sì, essere organizzati aiuta tantissimo. Proprio per questo motivo, dovresti valutare qualche “piccolo trucchetto” per snellire i tempi e agevolare il tuo studio. Qualche esempio? Prova a dividere la frequenza ai corsi con qualche tuo amico/a. Così facendo potrete scambiarvi gli appunti e le registrazioni delle spiegazioni in aula.

Ancora, è molto utile creare dei gruppi (anche su Whatsapp) per gestire la sbobinatura (trascrizione) delle lezioni registrate. E’ utilissimo mettere per iscritto ciò che si è detto a lezione, la spiegazione dei concetti e delle parole dei docenti: sarà come studiare da un vero e proprio manuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *