Area economica, Leggi&Diritto, Università

I contratti di borsa

contratti di borsa

Cerchi una spiegazione semplice e completa dei contratti di borsa in diritto commerciale? Vuoi conoscere gli elementi che la caratterizzano? Sei nel posto giusto!

Definizione dei contratti di borsa

Il codice civile non contiene una disciplina specifica dei c.d. contratti di borsa ne provvede alla individuazione degli stessi.

La denominazione di ≪contratti di borsa≫ si riferisce pertanto ad alcuni contratti formati attraverso la pratica delle borse, originariamente regolati solo dagli usi di borsa e inquadrabili nello schema generale della compravendita.

Disciplina

I contratti di borsa sono in effetti compravendite mobiliari, in quanto l’oggetto e costituito da titoli di credito o divise.

Essi si ripartiscono in due grandi categorie: contratti a contanti (o a pronti, se l’esecuzione del rapporto e immediata) e contratti a termine (se l’esecuzione del rapporto e differita).

Tra i contratti a termine vi sono i contratti a premio con cui uno dei contraenti, mediante il pagamento di un compenso (premio), si riserva la facolta di recedere dal contratto o di variarne il contenuto (scegliendo fra acquisto e vendita dei titoli oppure decidendo il quantitativo di titoli che intende contrattare).

Unico contratto di borsa regolato, invece, dal codice civile e quello di riporto (artt. 1548-1551), che si determina quando un soggetto (riportato) trasferisce ad un altro (riportatore) la proprietà di titoli di credito di una data specie verso il pagamento di un prezzo; il riportatore si obbliga a trasferire al riportato la proprieta di altrettanti titoli della stessa specie, contro il rimborso del prezzo, alla scadenza di un termine stabilito. La differenza in piu sul prezzo e detta riporto; la differenza eventualmente in meno, deporto.

Hai bisogno di altre spiegazioni semplici di diritto commerciale? Qui puoi trovare il compendio e gli schemi e schede di diritto commerciale.

Torna al Blog

Articoli correlati