Leggi&Diritto

Società a responsabilità limitata semplificata

ricorso incidentale

Cerchi una spiegazione semplice e completa della società a responsabilità limitata semplificata in diritto commerciale? Vuoi conoscere gli elementi che li compongono e le loro caratteristiche? Sei nel posto giusto!

Nozione sulla S.R.L. semplificata

La società a responsabilità semplificata è stata introdotta dal D.L. 1/2012, conv. in L. 27/2012, che ha inserito nel codice civile l’art. 2463bis «Società a responsabilità limitata semplificata».

La società a responsabilità limitata semplificata è una società di capitali con personalità giuridica che può essere costituita con contratto o con atto unilaterale da persone fisiche senza alcun limite di età (ciò a seguito dell’intervento del D.L. 76/2013, conv. in L. 99/2013, perché precedentemente poteva essere costituita solo da persone fisiche che non avessero compiuto 35 anni alla data di costituzione).

Disciplina della società a responsabilità limitata semplificata

L’atto costitutivo di una società va redatto per atto pubblico in conformità al modello standard tipizzato con decreto del Ministro della giustizia (D.M. 138/2012).

Tra le disposizioni fondamentali che disciplinano tale tipo di società vi è quella che prevede che il capitale sociale, pari alla cifra simbolica di almeno 1 euro e in ogni caso inferiore a 10.000 euro, deve essere interamente versato alla data della costituzione mediante conferimento in denaro effettuato all’organo amministrativo.

Il D.L. 76/2013, conv. in L. 99/2013, è intervenuto anche sul divieto di cessione delle quote ai soci aventi un’età superiore ai 35 anni, abrogando il 4° comma dell’art. 2463bis c.c. Con tale abrogazione è stata, così, sancita la libera trasferibilità delle partecipazioni anche per la società semplificata a responsabilità limitata a qualsiasi persona fisica indipendentemente dall’età anagrafica.

Atto costitutivo

L’atto costitutivo deve indicare i seguenti elementi (art. 2463bis, comma 2, c.c.):

— il cognome, il nome, la data, il luogo di nascita, il domicilio, la cittadinanza di ciascun socio;

— la denominazione sociale contenente l’indicazione di «società semplificata a responsabilità limitata», specificando ulteriormente «unipersonale» se la società ha un solo socio;

— la sede della società (il Comune ove è posta la sede della società e le eventuali sedi secondarie);

— l’ammontare del capitale sociale (pari almeno ad 1 euro e inferiore a 10.000 euro);

— l’attività che costituisce l’oggetto sociale;

— la quota di partecipazione di ciascun socio;

— le norme relative al funzionamento della società, indicando quelle concernenti l’amministrazione e la rappresentanza;

— l’eventuale soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti;

— gli amministratori: Il D.L. 76/2013, conv. in L. 99/2013, ha introdotto la possibilità di nominare amministratori che non siano necessariamente soci (precedentemente, invece, i componenti degli organi amministrativi dovevano essere scelti tra i soci);

— il luogo e la data di sottoscrizione.

Ai sensi dell’art. 2463bis, comma 3, c.c., le clausole del modello standard tipizzato sono inderogabili.

Hai bisogno di altre spiegazioni semplici di diritto commerciale? Qui puoi trovare il compendio e gli schemi e schede di diritto commerciale.

Torna al Blog

Articoli correlati